Assicurazione viaggi di lavoro

Cosa sono le assicurazioni per i viaggi di lavoro, a che cosa servono e quali sono le tutele per il libero professionista e il dipendente in trasferta.

Chi viaggia per lavoro spesso ha la necessità di una copertura assicurativa adeguata. In trasferta infatti l’imprevisto può essere dietro l’angolo, specialmente per i liberi professionisti, che non hanno la copertura dell’azienda alle spalle. Pertanto, per non rischiare problemi come annullamento delle partenze, rientri anticipati o smarrimento bagagli, l’assicurazione viaggio di lavoro può rivelarsi davvero utile.

Cos’è un’assicurazione per viaggi di lavoro

L’assicurazione viaggi di lavoro è una polizza che copre il lavoratore sia dipendente, che imprenditore, che libero professionista, contro imprevisti che possono capitare in viaggio. Un’assicurazione di questo tipo consente quindi di viaggiare in tutta tranquillità, senza doversi preoccupare di quello che può andare storto durante una trasferta.

Cosa copre l’assicurazione per viaggi business

Non esiste un’assicurazione viaggio di lavoro “standard”, in quanto praticamente tutte le compagnie permettono di acquistarne vari tipi, che differiscono tra loro in base alle diverse coperture fornite. Al centro di una polizza di questo tipo c’è l’imprevisto, dunque è importante che ci sia un’assistenza disponibile 24 ore su 24, e che possa intervenire tempestivamente.

L’assicurazione dovrebbe poi coprire almeno le spese sanitarie, cancellazioni o ritardi dei voli, e furti oppure smarrimenti di materiale aziendale come smartphone, tablet, strumenti da lavoro o documenti riservati, oltre all’erogazione delle spese di prima necessità, nel caso di smarrimento bagaglio o furto di beni vitali.

Assistenza

Come detto, chi viaggia per lavoro ha bisogno di certezze, e per questo l’assistenza in viaggio è la copertura più importante che un’assicurazione per viaggi di lavoro può fornire. Ad esempio, in caso di malattia o infortunio, la centrale operativa penserà ad organizzare tutta l’assistenza, fino al rientro a casa. E’ possibile contare sull’assistenza per una miriade di motivi, persino in caso di atto terroristico.

L’assistenza dovrà anche pensare alla modifica del planning, nel caso di eventi imprevisti e documentabili, che impediscano il rispetto degli orari di lavoro predefiniti. La centrale operativa organizza anche il viaggio ad un collaboratore per sostituire l’assicurato, in caso di malattia non curabile sul posto o necessità di tornare in Italia per danneggiamento all’abitazione di residenza.

Furto o smarrimento bagagli

Un’assicurazione viaggio di lavoro deve prevedere copertura per furto, rapina, scippo o smarrimento di bagagli, borse o valigie, con un rimborso spese pari al valore degli oggetti e con un bonus giornaliero a copertura delle spese di prima necessità. Con questa copertura attiva, non dovrete preoccuparvi nemmeno della mancata riconsegna o del danneggiamento del bagaglio da parte della compagnia aerea, sempre restando nei limiti dei massimali previsti dalla polizza.

E’ possibile estendere la copertura furto anche alle carte di credito o ai dispositivi elettronici, oltre ovviamente a tutte le attrezzature per uso professionale che chi viaggia per lavoro si porta con sè.

Copertura sanitaria

Quando si è fuori per lavoro può capitare di avere problemi di salute, che possono essere o meno legati alla mansione che si sta svolgendo. In ogni caso, le cure mediche potrebbero non essere adeguate, specialmente quando si viaggia in paesi africani o del sud-est asiatico, oppure potrebbero essere costosissime, come ad esempio viaggiando per lavoro negli USA.

Per questo motivo, la copertura sanitaria 24 ore su 24 è fondamentale: dovrà includere il pagamento delle spese mediche, meglio se diretto piuttosto che a rimborso, il costo dei ricoveri ospedalieri e delle operazioni chirurgiche, il rimpatrio sanitario in Italia ed eventualmente anche il costo dei medicinali o l’invio di medicinali urgenti qualora non fossero disponibili in loco.

Responsabilità civile

La responsabilità civile è molto importante quando si viaggia per lavoro, dato che è sempre possibile danneggiare cose o persone, specialmente usando macchinari delicati o strumenti aziendali; con questa copertura, tutti i danni a terzi causati involontariamente vengono coperti fino al raggiungimento del massimale, che può essere di diverse centinaia di migliaia di euro.

Tutela legale

Nel caso di controversie che hanno bisogno di un legale, questa copertura permette di pagare le spese di procedimenti giudiziali ed extra giudiziali, oltre a mettere a disposizione l’assistenza di un legale durante tutte le fasi del procedimento. La garanzia della tutela legale opera sia in accusa, per ottenere risarcimenti a causa di illeciti di terzi o sinistri stradali, che in difesa, in caso di contravvenzioni di ogni tipo.

Infortuni

Gli infortuni, contrariamente a quanto si possa pensare, non fanno parte della copertura sanitaria. Ma durante un viaggio di lavoro possono capitare molto frequentemente, e per questo motivo, attivando questa opzione sarà possibile ricevere un indennizzo economico nei limiti del massimale.

E’ possibile assicurarsi anche contro gli infortuni in volo, ossia gli improbabili, ma purtroppo possibili, incidenti aerei che potrebbero portare a danni permanenti o persino al decesso dell’assicurato: in questo caso l’assicurazione erogherà una somma di denaro alla famiglia rimasta in Italia.

A chi conviene fare l’assicurazione viaggi business

Consigliamo di stipulare l’assicurazione viaggi di lavoro se siete liberi professionisti, ossia se viaggiate senza un’azienda alle spalle pronta a coprirvi in caso di imprevisto, ma anche se siete dipendenti in trasferta e la vostra azienda non vi fornisce alcuna garanzia o copertura.

Ovviamente, viaggiando in Europa o comunque vicino casa gli imprevisti sono più gestibili, si suppone che riusciate a tornare a casa entro massimo mezza giornata. Ma viaggiando in altri paesi del mondo o zone a rischio, l’assicurazione viaggi di lavoro diviene praticamente essenziale, data anche la possibilità di usufruire dell’assitenza da parte della centrale operativa 24 ore al giorno.

Quanto costa un’assicurazione viaggi di lavoro

Essendo una polizza altamente modulabile, non esiste un prezzo standard per l’assicurazione viaggi di lavoro. Ma possiamo dire senza sbagliarci troppo che che, nel caso di un lavoratore non troppo anziano che stipuli una copertura intermedia, il costo sia di circa 50 euro a settimana. Il costo varia anche in base alla destinazione del viaggio: il prezzo di un’assicurazione di viaggio per paesi dell’Unione Europea è sensibilmente più basso rispetto ad una copertura assicurativa valida in tutto il mondo.

Confronta le assicurazioni e ottieni subito uno sconto fino al 15%

Tutte le polizze

Assicurazione bagaglio Assicurazione sanitaria per viaggi all’estero Assicurazione annullamento viaggio Assicurazione viaggio singolo Assicurazione multi viaggio annuale Assicurazione viaggi di lavoro Assicurazione viaggio per famiglie con bambini Assicurazione viaggio per giovani e studenti Assicurazione viaggio di lunga durata
Sei indeciso su quale Assicurazione di Viaggio scegliere?